La realtà oltre lo scatto


Il destino della fotografia sembra ormai segnato. La rivalità con la pittura, nel tentativo di fregiarsi del titolo di regina delle arti, ha innescato un meccanismo inedito e particolare. Mentre il cinema creava la propria autonomia culturale ed economica, la fotografia ha sempre cercato la consacrazione nelle gallerie e nei musei e la propria identità nella forma-quadro. Dopo aver surclassato la pittura sul piano della rappresentazione in forza di un presunto rapporto privilegiato con la “realtà”, il medium fotografico conosce ora un momento di schizofrenia e autoanalisi.
La personale che il Castello di Rivoli dedica al tedesco Thomas Ruff a cura di Carolyn Christov-Bakargiev delinea con precisione i tratti di questa crisi di status. La fotografia non sembra infatti potersi esimere dal riflettere su se stessa, condannata a svilupparsi in forma di metalinguaggio più che come indagine del mondo. E dire che Thomas Ruff fu allievo di Bernd e Hilla Becher, ovvero gli alfieri di un'oggettività seriale e classificatoria. Negli anni dell'apprendistato Ruff conobbe la specificità del medium fotografico lungo la linea che unisce i Becher alle sperimentazioni di inizio '900, come gli atlanti arborei di Karl Blossfeldt e le classificazioni di tipologie umane di August Sander. Naquero così, sul finire degli anni '80, le storiche serie di ritratti di conoscenti ed amici realizzati con gli stessi criteri di freddezza riscontrabili nelle fototessere dei documenti d'identità. Ma l'esposizione di Rivoli si apre nella Manica Lunga del castello con una piccola serie, più recente, in cui la casistica umana è mediata da diversi fattori e non risponde più a criteri di fredda oggettività. Non si tratta infatti di scatti realizzati da Ruff, bensì di ritagli provenienti da trattati di patologia medica, opportunamente trattati con interventi di colore. Ritocchi che svelano da una parte l'insufficienza della riproduzione fotografica in sé, dall'altra l'esigenza di una mediazione umana, di una partecipazione emotiva nei confronti di queste figure toccate dalla malattia.


Ma è l'intero sviluppo dell'esposizione di Ruff che riflette le esigenze della fotografia contemporanea, che poco hanno a che fare con l'invasività del digitale e con l'ansia da photoshop. Sarebbe infatti riduttivo pensare alla recente e fondamentale serie intitolata jpegs (2004) come al definitivo passaggio di consegne fra due tipologie estetiche: l'istantanea fotografica e l'intervento computerizzato ed artificiale, due estremi apparentemente inconciliabili. Anche solo la provenienza di queste immagini (reperite/trafugate in sessioni di navigazione web) rivela la traiettoria di Ruff, sempre più calata in un contesto relazionale e diretta ai margini della “lamina sottilissima” che è in definitiva la fotografia. Lavorando sempre sul limite del mezzo, egli ne mette in discussione la validità estetica e scientifica. Ma non si tratta di ritoccare e manipolare le immagini, bensì di rivelarne l'inganno. In una mostra di fotografia, l'assenza più clamorosa è quella dello scatto, del click all'origine delle immagini, mentre l'intervento digitale è assolutamente secondario rispetto alle altre parti del processo e in particolare rispetto alla selezione. I temi e i soggetti tornano al centro dell'attenzione attraverso una strada obliqua: non più frammenti di realtà, più o meno simbolici ed emozionali, ma ulteriori segni culturali che indicano la realtà solo per approssimazione. Le stelle, ad esempio, la cui luce proviene dal passato, oppure le esplosioni e gli orgasmi come eventi unici ed assolutamente irriproducibili - eppure riprodotti.


Il risultato nega il risultato, perché afferma il processo. La serie più vistosa e pacchiana, quella dei Substrat (2001-2004) non ha valore in quanto immagine, (banali caleidoscopi colorati che richiamano l'estetica acida della summer of love) ma solo in quanto negazione dell'immagine di partenza. Ruff vuole mostrare come sotto la forma compiuta di un manga giapponese regni un caos incontrollabile. Non a caso il passo successivo è proprio quello dei jpegs, che mostra il caos sotto e sopra l'immagine apparente della realtà. Sotto, al livello dei pixels. Sopra, al livello dei soggetti sempre inafferrabili. Questo è Ruff: colui che mostrando la discontinuità delle essenze e dei processi che compongono la realtà, allo stesso tempo dichiara conclusa l'era della fotografia come campo specifico di indagine.

1 commento:


  1. HOW I GET MY EX BACK WITHIN 2 DAYS
    i sincerely want to thank a great spell caster called Dr joy for helping me to bring back my husband to me and my kids. after many years of marriage, my husband left me and my kid, and ran away with his new girlfriend to san francisco to start up their life without thinking about me and my son.I felt like my life was about to end, and was falling apart.after years of our separation i could not take it anymore so i decided to visit a friend who also encounter similar issue but she is living happily with her man now , to seek advice from her on how she get her ex husband back again.when i get there i explain everything to her and she told me not to worry that she will link me up with the spell caster who cast a spell on her husband that make him to come back to her. i pick her advice and i strongly hold onto it.then I contacted fortune spell caster (joylovespell@gmail.com OR joylovespell@gmail.com) and after I explained my problem,he told me not to worry that i have no problem in getting my husband back again.he gave me 2 days assurance that my husband will come looking for me that when he come i should accept him back. i told him that i will whole heatedly welcome him back. In just 3 days my husband came back to us and apologize for all the pain he have bring to the family. We solved our issues, and we are even happy more than ever before. fortune spell caster is the best spell caster to solve any kind of problem and sickness you have.. I really appreciate the love spell you cast for me to get the man back to my life i will keep sharing more testimonies to people about your good work. if you want your ex back and you don,t know what to do kindly email joylovespell@gmail.com for your ex to come back whats app him :+2347088404185.

    RispondiElimina